osservatorioditronzano@gmail.com
Simone Ippolito

480 milioni di animali morti in Australia! Causa incendi

Secondo le stime del professor Chris Dickman dell’Università di Sydney, 480 milioni di animali sono morti negli incendi del Nuovo Galles del Sud a partire da settembre, incendi che hanno devastato in totale 5 milioni di ettari di foreste, distruggendo gran parte dell’habitat dei koala. In una recente intervista al Primo Ministro dell’ambiente australiano Sussan Ley, circa il 30 % della popolazione totale dei koala australiani è rimasto vittima degli incendi, aggiungendo che : “Ne sapremo di più quando gli incendi si placheranno e sarà possibile effettuare una valutazione adeguata”. I koala negli ultimi 20 anni sono stati pericolosamente minacciati e oggi si stima una popolazione rimanente composta tra i 15 e i 28 mila esemplari. In Australia sono in atto incendi devastanti difficili da placare e le autorità dichiarano che le torride temperature sono destinate ad aumentare.

Con l’ultima “strage” salgono a oltre 25 milioni gli ettari di foreste andati in fumo nel 2019, che si classifica come l’anno nero per gli incendi, che hanno duramente colpito dall’Amazzonia all’Artico, dall’Indonesia all’Australia, dove il fuoco continua ad avanzare e si stima che siano già oltre 5 milioni gli ettari attraversati dalle fiamme, con effetti ambientali devastanti per l’intero pianeta. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti, dalla quale si evidenzia che si tratta di una superficie grande poco meno dell’Italia, che si estende su 30 milioni di ettari. Il risultato degli incendi avvenuti in tutto il globo è stato il rilascio nell’atmosfera di circa 6735 miliardi di tonnellate di CO2, secondo il Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams), solo tra il primo gennaio e il 30 novembre 2019.